Danneggiano colonnina autovelox: denunciati

Dal pomeriggio di venerdì, fino alla mattinata odierna, il Comando Compagnia Carabinieri di Montesilvano, facendo ricorso a consolidati moduli operativi territoriali, ha effettuato operazioni di controllo del territorio. Con i dispositivi realizzati, che confermano l’efficacia dei servizi attuati soprattutto di notte, si ritiene che siano state prevenute attività delittuose e che sono stati conseguiti risultati tangibili dell’attività preventiva che giornalmente l’Arma dei Carabinieri pone in essere nei territori di competenza.
Nel corso dei servizi predisposti, un equipaggio del pronto intervento, è intervenuto in Corso Umberto di Montesilvano dove ha bloccato tre soggetti in stato di alterazione che avevano appena divelto e gettato nel giardino di una villetta, una colonnina autovelox. Immediatamente perquisiti sono stati denunciati per danneggiamento aggravato. Nella notte tra sabato e domenica, gli equipaggi dell’Aliquota Radiomobile, notavano in via Torrente Piomba un’ autovettura sospetta con all’interno un giovane. Non appena questo si è reso conto di essere l’ oggetto dell’attenzione dei militari, ha tentato la fuga a piedi scavalcando la recinzione del giardino di un condominio nelle vicinanze. Prontamente bloccato, sono stati effettuati gli accertamenti del caso, e si è scoperto che l’autovettura a lui in uso era stata da poco rubata nel territorio di Silvi. Il giovane è stato denunciato all’Autorità Giudiziaria.  Nell’ambito del contrasto allo spaccio di sostanza stupefacente, è stata effettuata una perquisizione domiciliare all’interno di un abitazione di Montesilvano attenzionata già da tempo dai militari della Compagnia. Sono stati così rinvenuti oltre ad un piccolo quantitativo di marijuana ed un bilancino elettronico (sintomatico dell’ attività di spaccio), anche  200mg di metadone. Il tutto è stato sottoposto a sequestro ed il proprietario dell’appartamento è stato denunciato all’autorità giudiziaria. Inoltre, sono stati rintracciati e sottoposti a misure restrittive:
  • In esecuzione di provvedimento della Procura della Repubblica di Pescara è stato sottoposto a detenzione domiciliare S.A. cl 1970. Predetto a seguito di “tentati furti aggravati” commessi a Montesilvano nel 2017, dovrà scontare una pena residua di 4 mesi di reclusione.

 

  • È stato arrestato in esecuzione di provvedimento della Procura della Repubblica di Pescara  M.G.A cl 1985, il quale dovrà scontare la pena residua di un anno e undici mesi di reclusione per i reati di “detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti”, commessi  a Montesilvano.

 

  • È stato arrestato in esecuzione di provvedimento della Procura della Repubblica di Pescara D.M.A. cl 1991. Le indagini condotte dai militari della Compagnia di Montesilvano, hanno consentito di accertare che il predetto, seppur sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari per alcuni furti commessi sul territorio di Montesilvano, in più circostanze si rendeva responsabile di violazioni alle prescrizioni imposte.

 

  • In esecuzione di provvedimento della Procura della Repubblica di Pescara è stata sottoposta a detenzione domiciliare R.F. cl 1948. A seguito di “tentati furti aggravati”, predetta dovrà espiare la pena residua di mesi uno e giorni dieci di reclusione.

Categoria: